fbpx

Single Blog

Quando da un Fallimento nasce un Successo

 

Sembra una specie di ossimoro, giusto?

In che modo il fallimento equivale al successo? Il fatto è che dietro la maggior parte degli imprenditori di successo troverai alcuni (a volte molti!) Fallimenti monumentali che li hanno aiutati a raggiungere la posizione in cui si trovano oggi. In effetti, una delle differenze chiave tra le persone di successo e quelle che non lo sono è che gli imprenditori di successo non permettono che i fallimenti li abbattano o impediscano loro di continuare. La chiave è l’azione: cosa si può imparare da un fallimento e come può essere applicato alle iniziative future?

Noah Kagan ha rivelato che alcuni dei suoi fallimenti (e stiamo parlando di milioni di dollari!) hanno contribuito a dare forma al suo attuale successo. Gli insegnamenti chiave riguardavano ciò che lui voleva veramente fare e in che cosa era appassionato, e quali tecniche di marketing potevano migliorare e implementare le iniziative future. Ha scoperto che concentrarsi troppo sull’aspetto monetario di solito porta a un percorso meno positivo. Uno dei suoi consigli sta nel convalidare il tuo prodotto o servizio prima di lanciarlo. Esiste un mercato chiaro per ciò che stai pensando di offrire? Sarà efficace in termini di convincere le persone ad acquistarlo? Che cosa offri per risolvere un problema alle persone?

Ricorda che “devi imparare come fallire per poi avere successo”. Molte persone non riescono nemmeno a cominciare un percorso per paura di fallire, se non hai intrapreso alcun tipo di azione, come farai allora? Alcune delle persone più famose hanno avuto degli insuccessi sulle loro strade verso il successo, diamo un’occhiata ad alcuni esempi.

Albert Einstein, uno degli scienziati più brillanti di tutti i tempi, fu ritenuto lento e fallito da bambino. Non ha imparato a parlare fino all’età di quattro anni e non ha letto fino all’età di sette anni. Fu espulso da scuola e quando alla fine si laureò all’università, riuscì solo a ottenere un lavoro non molto soddisfacente dal punto di vista remunerativo. Nonostante questi problemi, Einstein è notoriamente accreditato con una serie di scoperte scientifiche, inclusa la teoria della relatività.

JK Rowling, autrice dei libri di Harry Potter eccezionalmente popolari, conosceva il fallimento prima ancora del suo successo. Era praticamente al verde, gravemente depressa e cresceva da sola il figlio mentre frequentava la scuola e nonostante tutto continuava a scrivere. Forse questi elementi erano il carburante per guidarla: è passata dall’essere dipendente a una delle donne più ricche al mondo in soli 5 anni.

Vogliamo parlare del famoso Walt Disney? È stato licenziato da una casa giornalistica perché “mancava di immaginazione e non aveva buone idee”! In seguito al lavoro nel settore giornalistico ha avviato una serie di attività che successivamente hanno fallito. Naturalmente sappiamo tutti che l’azienda Disney rimane grande e influente in tutto il mondo ancora oggi…

Allora, perché avere paura del fallimento? Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere? Sarai in grado di riprenderti comunque? La risposta alla maggior parte degli scenari è: Sì, lo farai e avrai imparato qualcosa di prezioso durante il processo.  Se non agisci nessun risultato potrai raccogliere, quindi studia, analizza, crea un piano e, soprattutto, COMINCIA ADESSO!

Comments (0)