fbpx

Single Blog

Riprenditi il tuo tempo!

Viviamo in un’era connessa dove sembra che, nonostante tutte le tecnologie disponibili per aiutarci, le persone abbiano sempre meno tempo a disposizione. Il sovraccarico digitale è una lamentela più comune ora; Feed RSS, e-mail, social media e telefoni cellulari significano che siamo costantemente bombardati da informazioni. Cosa fare con tutte queste informazioni? Beh, in gran parte serve come distrazione dai compiti che dobbiamo svolgere per garantire che il nostro lavoro essenziale sia svolto e che stiamo ricevendo una quantità ragionevole di tempo libero. Sei mai stato coinvolto nei feed dei social media e guardando l’ultimo video “da vedere”? Distratto dal tuo compito principale dall’interruzione delle e-mail ‘urgenti’? È tempo che riprendiamo il controllo del nostro tempo e mettiamo la tecnologia dove dovrebbe essere; come uno strumento utile non come una distrazione da caccia al tempo.

Secondo uno studio condotto dall’Università della California, San Diego, la persona media oggi consuma quasi tre volte più informazioni di una persona tipica del 1960. Questo assalto di informazioni ha innescato il giornalista della tecnologia del New York Times Matt Richtel per condurre la serie “Your Brain on Computers ‘in cui esplora la scienza disponibile sugli effetti del costante’ collegato ‘. Uno dei fatti interessanti e alquanto inquietanti portati alla luce è che gli studi dimostrano che quando le persone mantengono il cervello impegnato con l’input digitale, perdono tempo di inattività che potrebbe aiutarli a inventare idee, ricordare informazioni e imparare meglio. Questo è sempre più comune, quante volte vedi le persone sul treno o sul bus, le cuffie iPod e lo scorrimento su un tablet o laptop? I tempi di inattività tradizionali vengono riempiti con attività per alleviare la noia, il che significa che il cervello viene continuamente stimolato e privo di periodi di riposo.

Per quanto riguarda l’impatto della tecnologia sulla gestione del tempo, gli scienziati affermano che la posta elettronica, i social media, le telefonate e altre informazioni in entrata non solo modificano il modo in cui pensiamo e ci comportiamo, ma alterano la nostra capacità di concentrazione. I nostri cervelli hanno un impulso primitivo a rispondere immediatamente a stimoli e minacce, a cui sta giocando l’immancabile presenza di gadget tecnologici. I “drogati” della tecnologia vedono spesso un prezzo pagato in termini di interruzione del lavoro e della vita familiare e la sensazione di non avere tempo a disposizione. Secondo gli scienziati, i multi-taskers pesanti hanno più problemi di altri a escludere informazioni irrilevanti per concentrarsi sul compito a portata di mano, e questo pensiero disperso sta diventando il nuovo “normale” per il loro cervello, anche quando lontano dai gadget.

Quindi quali sono le strategie suggerite per rompere la piaga del “sovraccarico digitale”?:

  • Pratica “consapevolezza consapevole” – questo significa stare fermi e concentrare la tua attenzione, non utilizzare i dispositivi tecnologici sul “pilota automatico”.
  • Spegni le distrazioni mentre lavori. Se stai lavorando su un pezzo importante, disattiva i telefoni, Skype, Social Media, Instant Messaging e qualsiasi altra cosa che potrebbe “inviarti” al tuo compito.
  • Controlla la posta elettronica a orari prestabiliti. Può essere molto allettante rispondere immediatamente quando arrivano i messaggi, ma questo ti distrae di nuovo da quel compito che dovresti fare. Imposta determinate ore del giorno in cui verificherai e rispondi alle e-mail: questo significa che non è necessario aprirle in un browser in cui puoi vedere i numeri spuntare mentre entrano!
  • Esci nella natura. Gli studi hanno dimostrato che impariamo di più e abbiamo un tempo più produttivo quando interrompiamo tutti gli altri stimoli e usciamo nella natura piuttosto che camminare in un contesto urbano. Gli scienziati credono che i nostri cervelli siano troppo stimolati nell’ambiente urbano e abbiamo davvero bisogno della calma che una passeggiata nella natura può portare.

Te cosa fai per staccare la mente?

Elena

Comments (0)